3 passi per cambiare abitudini alimentari

Uno degli errori più comuni in cui si cade quando si cerca di migliorare l’alimentazione è  quello di impostare pesanti restrizioni alimentari. Le restrizioni alimentari fanno concentrare tutte le nostre forze e risorse nel rispettare i  divieti autoinflitti, il risultato di questo quasi sempre è quello di cedere non una, bensì, mille volte alle tentazioni. Per non fallire di nuovo, vi propongo tre semplicissimi passi per affrontare diversamente il cambio  di un’abitudine:

1.Un passo alla volta: Definisce l’abitudine da cambiare.

La seguente domanda può essere di aiuto: Quale situazione specifica posso iniziare a cambiare anche in questo momento?

Esempio: “Bevo poca acqua, meno di mezzo litro al giorno e di solito accompagno i pasti con due o tre bicchieri di tè zuccherato.

2. Stabilire PICCOLE strategie o azioni che ti aiutino a modificare gradualmente l’abitudine scelta.

La seguente domanda può essere di aiuto: Quali azioni sono più fattibili e semplici da fare in questo periodo?

Esempio: La possibile soluzione all’esempio precedente è sostituire da uno a due bicchieri di tè zuccherato  per acqua naturale o gassata con una fettina di limone.

Avete visto? la soluzione è un’azione semplice e da realizzare anche al prossimo pasto.

3. Impostare un periodo di tempo/spazio ragionevole per compiere l’obiettivo.

Quando decidiamo modificare un’abitudine è consigliato stabilire un periodo di tempo specifico per dare passo alle nostre rinnovate abitudini. Un’altra strategia utile, è quella di stabilire anche il posto dove avverrà il cambiamento.

La seguente domanda può essere di aiuto: A che ora del giorno potrei eseguire l’azione?

Esempio: Sostituire il tè zuccherato tutti i giorni quando pranzo al lavoro

Tenete in conto che:

  • Con il tempo diventa più facile mettere in pratica una nuova abitudine. E’ dimostrato che dopo 30 giorni l’abitudine comincia a  realizzarsi in maniera automatica per poi diventare formalmente una nuova abitudine soltanto dopo 66 giorni. 
  • Registrare i progressi, scrivere sul calendario o mettere una allarma può essere utile per sapere a che punto siete e fare modifiche se lo ritenete necessario. 
  • Quando avete raggiunto il vostro obiettivo impostate un altro conservando il precedente, vedrete che alla fine i piccoli cambiamenti sono più facili da realizzare in modo che nel trascorso di un anno avrete già modificato tra le 10 e 12 abitudini… interessante no?.
  • La scelta di modificare qualcosa nella vostra vita dovrà essere una sfida piacevole, quindi, se non siete felici e motivati con quello che avete deciso di cambiare è probabile che sia ora di rallentare o trovare una soluzione ancora più fattibile da realizzare ma non mollare, è vietato mollare piuttosto si modifica il piano originale.

Un ultimo consiglio: Rendete il vostro obiettivo così facile da raggiungere che voi stessi non potreste dire di no.

Forza e coraggio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: